Dietro le quarte – Gli ultimi capitoli

Per quanto mi riguarda gli ultimi capitoli sono sempre una sofferenza. E non è perché mi dispiaccia lasciare i personaggi a cui sono tanto affezionata, proprio no, è che mi piacerebbe scorrerli con la velocità del lettore, non con la lentezza pachidermica dello scrittore.

A questo punto della scrittura arriva il momento in cui devo sottopormi a qualunque trucchetto mi venga in mente, darmi premi, andare a scrivere in un bar (come suggerisce Natalie Goldberg in Scrivere Zen) e sto seriamente considerando la biblioteca!

96790a23ce1c1e2ef261457dfa974e92

Il motivo alla base di questa crisi legata agli ultimi capitoli credo dipenda dal fatto che, giunta a questo punto, per me la storia è già praticamente finita. Sì, manca l’ultimo climax, certo, ma l’ho pensato e ripensato tante di quelle volte che è come averlo già scritto (magari…). Di conseguenza inizio inevitabilmente a pensare al prossimo romanzo che scriverò, o ai prossimi. La mia mente si popola di mille storie più interessanti (che sono semplicemente più nuove, ma tant’è) e significative di quella che sto scrivendo.

Ma come si dice: ‘Every relationship is work’ e quella con un romanzo è certamente una relazione a tutti gli effetti.

Quindi, ehm, ora mi rimbocco le maniche, pubblico questo post… e mi metto a scrivere 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...