Solitudine sistematica

Credevo di avere dimenticato questo tormento, invece mi trovo stupita a riaccoglierlo con gioia. Sono ancora tutti qui, i frammenti di me, a straziarmi la carne.

Ma il dolore è meglio, mi dico, sono grata che sia tornato, non credevo, avevo dimenticato, che la mia mente fosse ancora capace di tanta immotivata sofferenza.

La solitudine, qui, sta diventando sistematica. Non esiste essere umano con cui possa comunicare, eccetto uno. Questo è il mio pensiero attuale e naturalmente, dato che quell’uno non vuole comunicare con me, getto la mia povera frammentaria coscienza in nuovi abissi d’angoscia. Però c’è vita in questo dolore pastoso.

Si può creare in questo dolore, ogni frammento riverbera un universo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...