Se dovessi indovinare direi che non sei me

Lo specchio enorme dell’ascensore mi terrorizzava, ma vivendo al quarto piano non potevo sempre prendere le scale. A volte ero troppo ubriaca, l’ironia è che trovarsi davanti a uno specchio con una luce da allevamento di polli, da ubriachi, è peggio. Quella notte non mi reggevo in piedi, dovevo appoggiarmi ai muri. Ero sola. Ero sempre sola. Chiamai l’ascensore e aspettai che si aprisse la porta scorrevole. Entrai e stava lì, il mio riflesso.

– Chi sei, eh?

Non potevo evitarlo.

– Se dovessi indovinare direi che non sei me.

L’osservai e mi piacque, quei lineamenti scheletrici. Feci una smorfia.

– Allora perché. Muovi. La mia faccia?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...