Sono fame ****/5

Una storia che mi ha lasciata con un senso di oppressione, una città che ti divora, una vita senza speranza, un giorno uguale all’altro ma in fondo sempre un po’ peggio. Bravissima Natalia Guerrieri che legge la società contemporanea partendo da una delle “nuove professioni” (leggi: nuovi sfruttamenti) ed estende l’incubo a un’intera capitale che è un organismo vivente e affamato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...